Schede

Herichthys Carpintis

Dettagli


SPECIE: Ciclide

NOME SCIENTIFICO: Herichthys Carpintis

Le principali sottofamiglie si dividono in base al fiume di provenienza es: Herichthys Carpintis ESCONDIDO, VONTEHILLO, CHAIREL……
Sbagliatissimo confonderlo col TEXAS CICHLID, inquanto è un altro pesce seppur simile ma diverso. Il texas cichlid è l’ HERICHTHYS CYANOGUTTATUS.

DISTRIBUZIONE: E’ uno dei ciclidi più “nordici”, infatti si può trovare tra il sud del Messico e la punto meridionale del Texas. Si differenziano in base all’ultima parte del nome come detto sopra, identificando i principiali fiumi di provenienza, soprattutto il RIO PANCUO e suoi affluenti, e molto probabilmente è presente una particolare variante della specie in funzione del fiume di provenienza.

DIMENSIONE: In natura può arrivare anche a 30 cm, ma in acquario difficilmente supera i 25 cm, e solo in vasche molto grandi con litraggi importanti arriva sui 20 cm.

MORFOLOGIA: Ha i tratti più rappresentativi dei ciclidi.
Infatti ha un corpo abbastanza alto, ma con pinne ben definite rispetto al profilo del corpo ( non come un Oscar per intenderci ) ; la pinna dorsale è fra le più belle della macrofamiglia, infatti la punta estrema supera la pinna caudale donandogli una forma e un’eleganza straordinaria, soprattutto quando si apre per mettersi ‘in posa’.
Da adulto sviluppa anche un buon horn, ovviamente non paragonabile ai flore horn, ma appunto per queste sue caratteristiche è appunto per creare l’ibridazione citata.
La livrea a mio avviso è di quanto più bello possa offrire la famiglia dei ciclidi, inquanto, su uno sfondo verde smeraldo brillante, si presentano cerchi neri che delimitano ogni singola squama, facendosi più fitti verso la bocca e la coda.

LONGEVITA’: Molto longevo, circa 10 anni.

LITRAGGIO: Ovviamente più ce ne è meglio è parlando di uno dei re fra i grandi ciclidi americani, ma ottimi risultati si ottengono con una coppia in 300lt.

ARREDO: Bisogna fare molta attenzione, inquanto se sono presenti piante a stelo, facilmente faranno una brutta fine se non adeguatamente protette, infatti non vede di buona occhio la parte vegetale del biotopo tropicale, quindi sono da preferire tronchi e rocce.
Personalmente non sono riuscito a vincere la battaglia tra lui e l’arredo vegetale.

TEMPERATURA: da 24 a 27 max °C

VALORI: PH: da 6.7 - 7.3 GH: 8 – 14 KH: 3 - 7

SPECIE COMPATIBILI: Thorycictis Meeky, Aequidens Pulcher, Geophagus, Astronotus Ocellatus (in vasche da 600l in su) ecc.

ALIMENTAZIONE IN ACQUARIO: ONNIVORO.
Altamente consigliato per preservare la parte vegetale del biotopo somministrare pallet vegetale di alta qualità, oltre a pallet per ciclidi a base proteica, tubifex liofilizzato e blood worms.

RIPRODUZIONE: Pur non avendola mai sperimentata è sensazionale.
Infatti la cosa più eccezionale è la colorazione che assume il maschio. Infatti per essere più minaccioso sulla parte della testa diventa quasi bianco per poi sfumare via via diventanto quasi nero verso la coda. Sviluppa una certa aggressività anche verso la femmina, che se diventa esagerata porterà alla separazione momentanea della coppia.
Il sito di deposizione delle uova sarà pulito dalla coppia, di solito sono l'ideale per questo scopo rocce a superficie liscia tipo ardesia. Al momento della deposizione da parte della femmina, il  maschio si muoverà per fecondarle. Entrambi i genitori poi creeranno una movimentazione d’acqua con le loro pinne pelviche per fornire acqua ossigenata alle uova.

Le uova possono attendere fino a 2 giorni per la schiusa (a questo puntogli avannotti essi possono essere spostati in altre vasche di riproduzione dedicate), e dopo a una settimana saranno pronti al nuoto libero.

DIMORFISMO SESSUALE: oltre che a considerare quanto ampliamente esposto nella scheda del A. Multispinosus, che vale come linea di guida per quasi tutti i ciclidi, la femmina si differenzia dal maschi per una grossa macchia scura che interrompe la pinna dorsale circa a metà di essa.

CONCLUSIONE: Come detto sopra sono conosciute diverse varianti geografiche, che tendono a variare leggermente in spotting e colore di base. Questo fattore può rendere difficile l’ identificazione corretta. Confusione può insorgere anche con il molto simile HERICHTHYS CYANOGUTTATUS , una specie texana che a volte si trova in vendita come Herichthys carpintis e viceversa.
I due di solito possono essere distinti esaminando la forma delle marcature degli spot, sui fianchi del pesce. Queste tendono a formare le file laterali abbastanza evidenti composte da piccole macchie nell’ Herichthys cyanoguttatus, mentre sono più irregolari e distribuite in modo sparso in macchie più grandi in H. carpintis.
H. carpintis è anche la specie più piccola tra i due, infatti quando è adulto, raggiunge circa 20 cm a differenza dei 30 del Cianoguttatus, cosa che fa preferire il secondo per la creazione del mitico Flower Horn.
Rimane il fatto che un’ errata identificazione è ancora possibile inquanto, alcune popolazioni selvatiche di H. carpintis e H. Cyanoguttatus si assomigliano veramente molto.