Schede

Petenia Splendida

Dettagli

 

 

 

NOME SCIENTIFICO: Petenia Splendida


ALTRE DENOMINAZIONI: Red Snook. 

DISTRIBUZIONE E LUOGHI D'ORIGINE: Centro America, Messico, Nicaragua, Guatemala e Belize. (nei luoghi d’origine viene pescata a scopo alimentare).

DIMENSIONI: La specie raggiunge i 50cm, le femmine rimangono leggermente più piccole attestandosi comunque sui 40-45cm.

MORFOLOGIA: Genere monotipico, il corpo è molto compresso sui fianchi, tutte le pinne sono ben sviluppate, la particolarità della specie consiste nel suo apparato boccale estremamente estensibile, fino a ¼ della sua lunghezza. Questa caratteristica gli permette di catturare i pesci di cui si nutre, è un eccellente predatore, in età adulta anche di pesci piuttosto grossi. Esistono due livree, una a mio avviso fantastica, presenta una colorazione di fondo grigio verde, con sfumature rosse sulla pinna caudale, un ocello sul peduncolo e 4/5 macchie nere lungo il corpo che in base all’umore dell’animale possono diventare delle strisce verticali. La seconda livrea è completamente rossa/arancione, con sfumature gialle oro.

LONGEVITA': 10-12 anni.


LITRAGGIO: Richiede grosse vasche, viste le dimensioni raggiunte, per la coppia non si dovrebbe scendere sotto i 500 litri (150x60x60). Un singolo esemplare può essere allevato in 130x50hx60p come dimensione minima.

ARREDO E CARATTERISTICHE DELLA VASCA: Acquario ampio, con molto spazio libero per il nuoto e strutture che offrano nascondigli, come ad esempio radici, alcune grosse pietre piatte se l’intenzione è quella di riprodurre questi Ciclidi. Come tutti i grossi Ciclidi richiede un potente filtraggio e frequenti cambi parziali.

TEMPERATURA: 23-27 °C.

VALORI: Acqua con durezza media 10-15 GH e da neutra a moderatamente alcalina PH 7-8. No2 0 e buona presenza di ossigeno.

COMPATIBILITA’: Nonostante le notevoli dimensioni si tratta di una specie relativamente pacifica, che non andrebbe abbinata a grossi Ciclidi dal temperamento aggressivo e turbolento, come ad esempio Managuensis e Festae, in quanto la specie ne risentirebbe dal punto di vista del normale comportamento. La struttura della bocca protrattile è delicata e gli scontri tra grossi Ciclidi possono causarne la rottura e conseguentemente problemi alimentari. In vasche molto capienti possono essere allevati con specie di dimensioni adeguate (attenzione perché predano pesci di dimensioni fino ad 1/3 della loro lunghezza), ad esempio ottimi risultati sono stati ottenuti in convivenza con Vieja.

ALIMENTAZIONE: In natura i pesci rappresentano il cibo principale, si nutre anche di insetti e lombrichi. In cattività accettano la maggior parte dei cibi di produzione industriale ma vanno abituati gradualmente, non sono veloci nell’adattamento come altri grossi Ciclidi. E’ importante offrire una dieta quanto più varia possibile come polpa di pesce, gamberi, lombrichi, camole della farina e mangime secco. Somministrare cibi ricchi di carotene per conservare la splendida colorazione nella red form.

RIPRODUZIONE E DIMORFISMO SESSUALE: Non ci sono chiari segni distintivi, il maschio però raggiunge maggiori dimensioni rispetto alla femmina ed è stato riscontrato che a parità di età il maschio cresce con maggior velocità. Bisognerà adottare la classica metodologia del gruppetto di giovani, dal quale poi si genererà la coppia e si allontaneranno gli altri individui. Le cure parentali sono intense e i genitori interagiscono nella cura e difesa fino a quando i piccoli saranno a nuoto libero. La crescita degli avannotti è molto rapida.

CONCLUSIONE: Un Ciclide molto bello ed interessante che raggiunge dimensioni veramente ragguardevoli ma che può essere allevato in vasche di comunità, chiaramente dalle dimensioni adeguate. L’estensione della bocca è qualcosa di unico e sempre sorprendente.