Schede

Channa Aurantimaculata

Dettagli

 

NOME SCIENTIFICO: Channa Aurantimaculata

ALTRE DENOMINAZIONI: Orange-spotted Snakehead

DISTRIBUZIONE E LUOGHI D'ORIGINE: Questa specie è originaria del fiume Brahmaputra, nel nord est dell’india, ma il suo areale è sicuramente più esteso, come specificato in diversi documenti di letteratura specializzata. I pesci che vengono venduti ai turisti, nei luoghi d’origine, sono offerti in un territorio molto vasto e questo rende poco chiara la precisa provenienza..

DIMENSIONI: Raggiunge i 40cm, gli esemplari cresciuti in cattività che si attestino sui 35cm sono considerati di ottima misura.

MORFOLOGIA: Tipica forma dei Channidi con corpo allungato, tutte le pinne sono ben sviluppate. E’ considerato uno tra i più bei Channidi, la sua colorazione di fondo è caratterizzata da uno splendido disegno marmorizzato giallo-marrone che in alcuni esemplari tende all’arancio-nero, con sfumature blu sulle pinne.

LONGEVITA': Non abbiamo documentazione certa su questa specie, ma sicuramente rispettando il cambio climatico ne agevoleremo la longevità, che non dovrebbe essere inferiore ai 5-6 anni.

LITRAGGIO: Una vasca di 130x60cm è ideale per un adulto che si voglia mantenere per l’intero ciclo vitale; considerando che necessita di molta vegetazione, una vasca capiente permette di riprodurre un layout adeguato, senza togliere eccessivo spazio all’animale. L’altezza della colonna d’acqua è un fattore secondario, 35cm sono sufficienti anche per esemplari di dimensioni elevate.

ARREDO E CARATTERISTICHE DELLA VASCA: Come prima cosa bisogna ricordare di coprire bene la vasca in quanto questi pesci sono ottimi saltatori, capaci di trovare la fuga in acquari anche parzialmente chiusi. La vasca ideale sarà arredata con una buona piantumazione e diversi nascondigli, l’utilizzo di piante galleggianti o comunque che coprano la superficie è fondamentale per questi pesci, che si recano spesso a pelo d’acqua per utilizzare ossigeno atmosferico (possiedono il labirinto). In superficie si devono sentire protetti e stazioneranno spesso sotto alla copertura offerta dalle piante.

Particolarità: è uno dei pochi Channidi che è stato osservato scavare di proposito.

TEMPERATURA: 15-28 °C.

E’ fondamentale fare rispettare a questi pesci l’escursione climatica tipica delle due stagioni, mai tenerli 12 mesi all’anno con le stesse temperature, questo andrebbe a discapito della loro longevità. Sopportano molto bene i due estremi, per 6-8 mesi andrebbero tenuti sui 23-27 gradi, mentre per i restanti, tranquillamente tra17-20, non è assolutamente necessario tenersi molto bassi, l’importante è che sia avvertita una sostanziale differenza, contrariamente alle specie termofile che vivono tutto l’anno a temperature costanti ed elevate.


VALORI: Ph da 6 a 8, Gh fino a 15, Kh 4-9 NO2 0.

Specie molto adattabile e resistente, comunque i valori devono essere stabili.

COMPATIBILITA’: La vasca monospecifica è sempre la migliore soluzione, si può dimostrare molto aggressivo con esemplari della stessa specie, anche se non è una prerogativa di tutti gli esemplari, le coppie vivono in armonia ma sono condizioni che solitamente si vengono a creare da gruppi di giovani esemplari che poi vengono separati. In grosse vasche è tutto molto più semplice e si possono instaurare buone convivenze con Loricaridi di adeguate dimensioni e grossi pesci pacifici, mai con grossi Ciclidi aggressivi.

ALIMENTAZIONE: In natura si cibano di piccoli pesci, insetti e loro larve, lombrichi e tutto quello che riescono a catturare. Si adatta facilmente al cibo secco di qualità appositamente studiato per pesci carnivori. La dieta dovrebbe essere sempre molto varia: diversi cibi secchi, poi gamberi, bivalvi, lombrichi, pesce intero e a pezzi. Evitare carne di ogni tipo, sia rossa che bianca in quanto il rapporto di lipidi contenuto in essa creerebbe scompensi agli organi interni. Nel periodo freddo, in natura i pesci si cibano molto meno e questo comportamento andrebbe rispettato anche in cattività.

Autopsie di pesci vissuti in cattività, hanno dimostrato come i pesci alimentati senza variazioni per 12 mesi, abbiano accumulato quantità di grasso negli organi interni, causa di una ridotta longevità (3-4 anni al massimo).

RIPRODUZIONE E DIMORFISMO SESSUALE: I maschi oltre i 15 cm cominciano a sviluppare, a differenza delle femmine, la pinna dorsale, la quale si dimostra visibilmente più imponente e con il contrasto di colori ben più marcato, dove sono ben visibili sfumature azzurro-blu, quasi sempre mancanti nelle femmine. Per i problemi di compatibilità intraspecifica e per l’influenza che ha il rispetto del cambio di stagione, ai fini della riproduzione, questa non è molto comune in cattività.

CONCLUSIONE: Come già accennato, si tratta di uno splendido Channide, tra i più belli. E’ un pesce molto interessante e in poco tempo, se allevato rispettando le sue esigenze, si dimostrerà molto spavaldo con il suo allevatore.

Maschio

Femmina