Guide e Recensioni

Il Genus Pygocentrus

Dettagli
Letimologia della parola pygocentrus deriva da 2 termini greci
Pygo (gobba) + Centrus (centro)

DA FRANK MAGALLANES
solo quattro specie sono definibili veri piranha; Cioè, solo quattro delle specie sono realmente noti per essere pericoloso per l'uomo, e questi sono l'unica specie sempre conosciuta come piranha in Brasile.(Myers, 1972 Il Piranha Libro pag. 22).

Prima del 1960 poche persone al di fuori dei circoli scientifici sapeva cosa fosse un piranha. I pochi che in quel periodo avevano avuto la fortuna di studiare l'animale lo paragonavano a un mostro simile allo squalo, ma che attacca in gruppi numerosi ed era in grado di ridurre un animale qualsiasi a scheletro in pochi minuti,qualora fosse entrato nella loro zona di fiume.

Inoltre, le persone pi√Ļ disinformate pensavano che il pesce era endemico dall'Africa,basandosi sulle immagini dei vecchi film di Tarzan del 1930 che in onda nel 1950.

SANGUINOSO MANGIATORE DI UOMINI
Ancora oggi la gente teme il pesce sulla base di ciò che l'ex presidente Theodore Roosevelt scrisse nelle sue avventure nel deserto brasiliano.
I suoi racconti del piranha-mangiatore di uomini sono stati anche ripresi in un film di Hollywood durante il 1970 e poi negli anni 2000, in cui vengono utilizzati piranha meccanici per girare le scene piu cruente.
Ora l'animazione CGI (Piranha 3D) viene utilizzata da Hollywood per creare piranha falsi e informare il pubblico con inesattezze riguardanti la natura dei piranha. 
nel 2010, usci un nuovo film chiamato Mega Piranha pieno di sciocchezze e le stesse vecchie immagini orribili con lo scopo di provato a terrorizzare ancora una volta gli spettatori, il protagonista era un Mega Piranha grande come King Kong o Godzilla che va a ingoiare un'intera flotta della Marina militare oltre ad un elicottero in volo....a quanto pare anche se sono passati doversi anni Hollywood non ha ancora finito di produrre film con lo scopo di far risultare i piranha come mostri sanguinari in costante caccia .

HARALD SCHULTZ
Grazie soprattutto a gran parte del lavoro di Harald Schultz,antropologo brasiliano, l'immagine del piranha è cambiato considerevolmente (Piranha Fact and Fiction, 1964). 
Schultz ha dichiarato: Per pi√Ļ di venti anni i miei viaggi, come studente della vita indiana in relazione a un istituto scientifico in Brasile mi hanno portato in molte parti lontane del paese,In tutti questi anni non ho mai avuto un'esperienza pericolosa con questi animali molto temuti chiamati piranha.

ATTACCHI ALL'UOMO

ci sono recenti testimonianze di attacchi ad umani da parte di piranha,cioè S. maculatus e S. rhombeus. 
Ma che sta leggendo dovrebbe essere consapevole che questi attacchi non sarebbero avvenuti senza una provocazione.
In Sud America l'interferenza umana sta ancora una volta spingendo le popolazioni ittiche in trappole mortali ed il piranha quando è alle strette o situazioni che lui reputa pericolose attacca!
le continue costruzione di dighe e di laghi artificiali stanno intrappolando i piranha e distruggendo il loro habitat,Le aree in cui si sono riscontrati attacchi all'uomo sono probabilmente aree in cui i pesci si ritrovano in gran numero per portare a termine l'atto riproduttivo tramite la deposizione della uova,peccato che sono spesso le stesse zone in cui nel periodi estivi gli uomini si bagnano o praticano attività sportive acquatiche andando cosi a disturbare i piranha in un momento per loro molto delicato. 
Fortunatamente,la maggior parte di ferite riportare dai bagnati non erano molto gravi,nei casi peggiori si sono verificate perdita delle dita dei piedi. 

In un altro caso una donna accidentalmente caduta in acqua da un peschereccio che scaricava frattaglie di pesce in acqua fu orsa ad una gamba e gli fu recisa l'arteria femorale che ne causò la morte per dissanguamento (fonte:.. DM 12/4/2011 Schleser Will).

Tutte le specie di pygocentrus sono potenzialmente pericolose per qualsiasi persona o animale che cade in acqua nei pressi delle loro zone di caccia.

I PIRANHA IN ACQUARIO
Tutte le specie di piranha dovrebbero essere considerate pericolose quando si tratta del potenziale di un morso.
Alcuni acquariofili hanno il brutto vizio di nutrire i loro pesci dalle mani,questa è una pratica molto pericolosa visto chei pesci non sono in grado di distinguere tra il cibo che gli si sta somministrando e la carne del loro proprietario,ce sempre il rischio di subire un morso che nei peggiori casi può comportare l'amputazione di un dito o di un lembo di pelle.
Quindi non fatelo, non importa quanto si possa ritenere amichevole e inoffensivo il proprio piranha

DAVID M. SCHLESER
Come Harald Schultz, Dave come ama essere chiamato, √® un dentista di professione, che ha cambiato la sua carriera pi√Ļ tardi nella vita e divenne curatore dell'Acquario di Dallas(Texas),esploratore dell'amazzonia, fotografo e scienziato dilettante.
I suoi meravigliosi scritti e libri sui piranha hanno contribuito a promuovere una migliore comprensione di questi pesci.
i sui libri sono stati scritti con l'aiuto della documentazione OPEFE che allora era ancora agli albori

DNA
recentemente sono state pubblicate diverse pubblicazioni riguardanti il DNA dei pygocentrus:

1) Filogeografia del Serrasalmus e Pygocentrus: implicazioni per la diversificazione dell'ittiofauna Neotropical (Nicolas Hubert, et al 2007a)..

2) Sistematica molecolare dei Serrasalmidae: Decifrare le identità delle specie di piranha e svelare le loro storie evolutive (Barbie Freeman, et al). 
Nel primo documento, i loro risultati suggeriscono che gli attuali risultati sottolineano l'interazione tra le variazioni geologia, a livello del mare, e idrografiche create per cladogenesi nei piranha in rapporto a diverse scale temporali e geografiche.

nel secondo documento, hanno trovato prove di un clade (in tassonomia con il termine CLADE si definisce un gruppo di organismi costituito da un singolo antenato comune a tutti i discendenti) ben supportato composto da Pygocentrus, Serrasalmus e Pristobrycon (in parte). 
Il gruppo gemello a questo clade è ben definito e si compone di Catoprion, Pygopristis, e Pristobrycon striolatus. 
Secondo questi autori, se con il termine piranha si fa riferimento a un clade monofiletico, dovrebbe essere limitato a Serrasalmus, Pygocentrus, e Pristobrycon (in parte), o dovrebbe essere ampliato per includere le seguenti categorie:
Pygopristis
Catoprion 
Pristobrycon striolatus.

GENUS PYGOCENTRUS

I nomi ai generi scientifici storici dei piranha hanno subito un gran numero di cambiamenti nel tempo.
la denominazione Piranhas √® stata data da autori storici, quando questi pesci sono stati scoperti,la situazione √® cambiata con l'avvento di metodi migliori per analizzare i pesci, tra cui l'utilizzo della radiografia (per vedere meglio le ossa e denti) e il metodo pi√Ļ recente utilizzando le sequenze di DNA di mitocondriale (mt) geni rRNA tramite i quali si √® riuscito a distinguere i vari genus di appartenenza.
Il numero di specie genericamente chiamati piranha √® di circa 60 specie o pi√Ļ,ma solo tre (3) sono definibili come veri piranha.

Anche se non ancora del tutto risolto, la sistematica del Pygocentrus è stata rivista da Fink (1993) e proseguita nelle opere successive (Fink e Zelditch 1995 1997), e Machado-Allison, 2003. 
Una diagnosi per le tre specie proviene dal primo lavoro .
gli studi fatti sono stati fondamentali per definire alcune specie come il pygocentrus ternetzi,piranha che vive al di furi dalle zone dell'amazzonia(soprattutto nel nord dell'argentina) arrivando alla conclusione che si tratti di una variante cromatica del ben piu noto e diffuso nattereri;anche su quest'ultimo si sono fatti diversi studi visto che al variare dell'ambiente e dei parametri chimici dell'acqua in cui vive si sono riscontrate diverse differenze morfologico/livratiche (nelle zone piu a sud dell'mazzonia non è raro vedere p.nattereri con raggi nella pinna adiposa,caratteristica di solito vsibile nei p.piraya del rio sao francisco)
tuttavia gli studi sui piranha del genus pygocentrus sono tuttora in corso,quindi le classificazioni potrebbero cambiare in futuro.

OLOTIPO/QUOTAZIONE STORICA DEL RANKING GENETICO
i primi ittiologi storici hanno aggregato tutte le specie nominate sotto il genere Pygocentrus perché non consideravano la morfologia e non valutano la pesenza dei denti palatini nei pesci.
questo ha portato a grandi problemi,poichè finirono per rientrare nel genus anche pesci che non centravano molto effettivamente con i pygocentrus
negli anni successivi il genus fu poi rivisto introducendo diversi generei e sottogeneri come Rooseveltiella, Taddyella ecc 

Gli scienziati di allora usavano una classificazione su base morfometrica e colorimetrica e tendevano a trascurare alcune caratteristiche che poi con l'arrivo del metodo di studio tassonomico sono stati fondamentali per la rivisitazione totale del genus
Albus Serrasalmo è un buon esempio di potenziali problemi dati dalle vecchie metodologie,La specie è stata poi rivista come Serrasalmus Cariba

Molte delle immagini storiche dei piranha non erano fotografie ma disegni fatti da artisti che seguivano le prime spedizioni degli studiosi avventurieri,i disegni spesso però non erano veritieri e davano spesso ai piranha un aspetto strano che mal combaciava con quello che poi era il pesce in relatà.

La diagnosi della specie è stata caratterizzata da osservazioni esterne che venivano applicate a quasi ogni specie di piranha,nei primi documenti di studio era comune usare parole come:
-mascella inferiore molto pronunciata
-profilo convesso dorsale tra pinna dorsale e la punta muso
insomma i pesci venivano descritti in modo vago e risultava difficile avere un riscontro preciso con il pesce reale.
Questa è solo una piccola parte del motivo per cui la classificazione piranha è così disordinata oggi.

CLASSIFICAZIONE STORICA
-Pygocentrus
(M√ľller & Troschel, 1844)
Il genere Pygocentrus fu eretoa da M√ľller & Troschel perch√© volevano un genus in cui posizionare il Pygocentrus Piraya.¬†
Il pesce non aveva denti ectopterygoid (denti Palatini) e possedeva una caratteristica unica trova solo su questa specie di piranha,un pinna adiposa con raggi oltead altre caratteristiche relative alla testa e alla forma del corpo.

-Pygocentrus
(Valenciennes, 1850)
Questo raggruppamento un solo pygocentrus, due serrasalmus, e un nome non valido che era probabilmente un pacu (Myletes).
Questo autore mise 5 specie nel gruppo Pygocentrus; Serrasalmo Piraya (Cuvier 1819), Serrasalmo niger (Schomburgk 1841), nigricans Pygocentrus (M√ľller & Troschel, 1844), nigricans Pygocentrus (Spix, 1829) e Pygocentrus palometa (Valenciennes 1850) nomen dubium.

-Pygocentrus
(Eigenmann & Eigenmann 1891)
In questo raggruppamento sono compresi 2 pygoventrus, un serrasalmus e un pygopristis; Serrasalmo Piraya (Cuvier 1819), Serrasalmo niger (Schomburgk 1841), Pygocentrus Altus (Gill 1870), e Pygocentrus scapularis (Gunther 1864).

-Gastropristis
(Eigenmann 1915)
Il nome del genere Gastropristis fu eretta da Eigenmann per il Serrasalmo ternetzi (Steindachner, 1908 ).

-Pygocentrus
(Eigenmann 1915)
Questo raggruppamento comprende 3 pygocentrus e una specie considerata ancora valida che era probabilmente un pacu (Myletes palometa = Myleus schomburgkii); L'autore ha rivisto il genere che comprendeva 4 specie; Pygocentrus Piraya (Cuvier 1819), Pygocentrus nattereri (Kner 1869), Pygocentrus notatus (L√ľtken 1874) e Pygocentrus palometa (Valenciennes in Cuvier & Valenciennes 1850), ma come dubium nomen (= nome dubbia). Nessun tipo di note.

-Rooseveltiella
(Eigenmann 1915)
Entrambi i generei,Rooseveltiella (Eigenmann 1915) e Taddyella (von Ihering 1928 ) sono stati eretti per onorare il presidente Theodore Roosevelt. Questi nomi sono stati sostituiti perché Eigenmann ha voluto limitare il Piraya come unico Pygocentrus a causa della pinna adiposa con raggi.

-Serrasalmus
(Norman 1929)
Norman ha utilizzato esclusivamente questo genere per tutte le specie di piranha, pygocentrus,serrasalmus e pristobrycon.
Sia generi Taddyella e Gastropristis non sono stati riconosciuti da Norman (1929) a causa dei problemi ad essi associati.

-Serrasalmus
(Mago 1970)
furono inserite 2 specie in questo genere; Serrasalmus nattereri (Kner 1869) e Serrasalmus notatus (L√ľtken 1874).
Entrambe queste specie sono del genus pygocentrus

-Serrasalmus
(Géry 1976)
In questo raggruppamento, non Pygocentrus (pirambeba, caribito e palometa) e pygocentrus sono stati mescolati insieme;
Géry diviso il gruppo in genere Serrasalmus e 2 specie nel sottogenere Taddyella.
Géry (1976) e Machado-Allison (1985) hanno dimostrato che i gruppi Pristobrycon e Pygocentrus dovrebbero essere mantenuti a causa del numero di varie specie che essi comprendono. 
G√©ry riutilizz√≤ il sottogruppo Taddyella ponendolo come un sottogenere di Serrasalmus; Le specie incluse erano Taddyella nattereri (Kner 1869), Taddyella niger (Schomburgk 1841), nigricans Tadyella (Spix 1829), Tadyella notatus (L√ľtken 1874), e Tadyella ternetzi (Steindachner 1908 ).

-Serrasalmus 
(Géry 1977)
Ancora una volta Géry ha rivistodi nuovo il genere,questa volta ponendo Pygocentrus come sottogenere di Serrasalmus; Pygocentrus Piraya (Cuvier 1819), e Manueli Pygocentrus (Fernández-Yépez 1967).

-Pygocentrus
(Fernández-Yépez 1967)
Solo una specie di pygocentrus è qui elencata;Il resto erano pirambeba (serrasalmus) e caribito(prystobricon); 
erano comprese 6 specie; Pygocentrus nattereri (Kner 1869), Serrasalmo niger (Schomburgk 1841), Pygocentrus scapularis (Gunther 1864), Pygocentrus Manueli (Fernández-Yépez 1967), Pygocentrus striolatus (Steindachner 1908 ), e Pygocentrus serrulatus (Valenciennes 1850).

-Pygocentrus
(Machado-Allison 1985; Fink 1991 rivisto 1993)
Questo è stato il primo tentativo di determinare il posizionamento effettivo della specie utilizzando un nuovo metodo che comprendeva la filogenetica; 
Dr. Antonio Machado-Allison (1985) ha rivisto la nomenclatura e la posizione dei piranha mettendo le singole specie identificate con metodi cladistico e filogenetici in un genere di 4 nomi; Pygocentrus (le 3 specie definiti veri piranha), Serrasalmus (circa 30 specie), Pristobrycon (10 o pi√Ļ specie), e una specie di Pygopristis.¬†


LA CHIAVE DELLA SPECIE - Pygocentrus

Ci sono ulteriori complicazioni relative ai denti palatinei che ai Pygocentrus in teoria dovevano mancare.
Secondo Machado-Allison (2002: 56) gli esemplari molto giovani (> 10 millimetri SL) ne possiedono 6 unicuspid sull'osso palatineo. 
Ciò sarebbe in contrasto con lo studio di Fink 1993, Tuttavia la presenza di questi denti è temporanea e con la crescita tendono a scomparire. 
si scopri che i Pygocentrus hanno anche una colonna vertebrale pre-anale.

Dr. William L. Fink (1991) ha esaminato il genere, quindi rivisto le singole specie del genere Pygocentrus (1993) ed ha incluso un chiave effettiva per identificare le specie di veri piranha. 
Fink basa la sua diagnosi sui dati seguenti ...... "rispetto ad altri serrasalmin, Pygocentrus è diagnosticabile da diverse funzionalità, tra cui il numero di serrae prepelviche, la morfologia della vescica natatoria e del cranio, e la larghezza della testa. 
Ci sono tre specie del genere :.. P. Piraya, P. nattereri, e P. cariba.
il P. Piraya è diagnosticabile dalla presenza di raggi nella pinna adiposa, e la sua popolazione si limita al Rio Sao Francisco del Brasile
il P. nattereri è ha una pigmentazione molto variabile e la sua popolazioni si trovano in zone tropicali e subtropicali del Sud America, ad est delle Ande, tra cui il bacino amazzonico, il sistema Paraguay e Paraná, ed i fiumi del nord-est della Guyana e Brasile.
il P. Cariba è diagnosticato dalla presenza di una prominente macchia omerale
la sua popolazione si estende nel Rio Orinoco e dei suoi affluenti in Colombia e Venezuela. 

Il genere Pygocentrus è caratterizzato da diverse caratteristiche anatomiche chiave 

1) P. Piraya
pinna Adiposa che presenta raggi negli individui adulti. 
15-18 (di solito 16) Raggi ramificati nella pinna dorsale 
6-8 (di solito 7) spine neurali anteriori alla prima pinna dorsale
36-39 (di solito 33 )  vertebre
 
 
2)P. Cariba
Pinna adiposa senza raggi. 
14-18 (di solito 15) Raggi ramificati nella pinna dorsale
5-7 (di solito 6) spine neurali anteriori lla prima pinna dorsale
35-38 (di solito 36)vertebre
Grande macchia omerale di colore scuro presente nei campioni sui 100 mm
 
 
3) P. nattereri
stesse caratteristiche del P.Cariba per quanto riguarda la tassonomia
Macchia omerale relativamente piccola o non presente 
 
p.nattereri normale
p.nattereri ternetzi

CLASSIFICAZIONE DEI PYGOCENTRUS ATTUALMENTE VALIDA (2011)
-Pygocentrus Piraya
Stato attuale: Valido come Pygocentrus Piraya (Cuvier 1819). Serrasalmidae.

-Pygocentrus nattereri
Stato attuale: Valido come Pygocentrus nattereri (Kner 1858 ). Serrasalmidae
comprende anche il p.ternetzi

-Pygocentrus Cariba
Stato attuale: Valido come Pygocentrus cariba (Humboldt 1821). Serrasalmidae. Dal 1 ¬į Marzo, 2012.


TRATTO DA DOCUMENTAZIONE OPEFE
COPYRIGHT OPEFE & Frank Magallans