Schede

Myleus Schomburgkii

Dettagli

NOME SCIENTIFICO: Myleus Schomburgkii, fa parte della sottofamiglia dei Serrasalmus.


ALTRE DENOMINAZIONI: Myleus fascia nera, disk tetra, piranha erbivoro.


DISTIBUZIONE: Sud America, bacino del Rio delle Amazzoni, fiume Nanay, alto bacino del fiume Orinoco.



MORFOLOGIA: Il M. Schomburgkii si presenta con corpo tozzo e discoidale con pinne rossastre che con la crescita possono estendersi, ma la grande differenza che lo distingue dagli altri Myleus è la banda nera che gli attaversa il corpo verticalmente.


DIMENSIONI: Report controversi, chi sostiene una lunghezza massima di 12cm, chi 20 cm. Si attendono conferme da chi possiede questi pesci e li deterrà per l'intero ciclo vitale.


COMPORTAMENTO: Il M. Schomburgkii è un pesce che ama vivere in gruppo quindi vanno inseriti non meno 4/5 esemplari. Caratterialmente è molto tranquillo e vive bene con altre specie di Myleus, Metynnis e Ciclidi non troppo aggressivi. L'importante, se la vasca non è molto grande, è fare attenzione con nuovi inserimenti a non occupare il suo spazio di nuoto. Ottime le convivenze con grossi Catfish e Loricaridi robusti.


LONGEVITA': Circa 6/7 anni, probabile anche pi√Ļ ma non si hanno ancora testimonianze.


ARREDAMENTO: Predilige acque scure, quindi arredare la vasca con radici, legni e foglie di catappa sparse sul substrato.


ALIMENTAZIONE:Onnivoro, in natura si nutre di piccoli pesci, semi che cadono dagli alberi (presso la riva) alghe e piante, in acquario viene alimentato principalmente con cibi vegetali come zucchine, spinaci, lattuga, spirulina, ma anche i vari mangimi commerciali sia in scaglie che in granuli o pellet.


TEMPERATURA: Dai 22 ai 27 gradi.


VALORI: PH= 6,2/7,0 GH= 4/6 KH= 3/5 NO2=0.


DIMORFISMO SESSUALE: Non si hanno notizie precise, esistono pareri molto discordanti, c'√® chi sostiene che la differenza √® nella pinna anale che si divide in 2 lobi, chi sostiene invece che la dorsale si presenta pi√Ļ lunga √® filamentosa.


RIPRODUZIONE: Non ci sono ancora stati casi di riproduzione in cattività.

 

 

Thorichthys Elliotti

Dettagli

 

NOME SCIENTIFICO: Thorichthys Ellioti


ALTRE DENOMINAZIONI: Cichlasoma Ellioti, Heros Maculipinnis, Thorichthys Maculipinnis


DISTRIBUZIONE: Centro america. Luogo specifico Messico, Rio Papaloapan


DIMENSIONE: In acquario non supera i 12/13 cm, ma in natura arrivano anche a 16 cm.


MORFOLOGIA: Questo bellissimo Ciclide somiglia molto al suo fratellastro Thorichtys Meeki, ma con sfumature di colore molto simili al Mikrogeophagus Ramirezi, ha un corpo piuttosto compresso ai fianchi ma muscoloso, con grossa testa, occhi grandi, bocca carnosa. La pinna dorsale è lunga, così come l'anale, entrambe appuntite e allungate al vertice. La pinna caudale è a delta. Le pinne ventrali sono appuntite, le pettorali ovaloidi.


ARREDO: Poich√© a questi pesci piace setacciare il substrato in cerca di cibo, √® essenziale che essi siano ospitati in un acquario con un substrato sabbioso e volendo si possono inserire anche foglie di catappa. L'arredamento della vasca con legni e radici e qualche roccia non tagliente √® molto gradito e potrebbe far sentire i pesci a "casa" e rendere la vasca pi√Ļ naturale. Volendo si possono inserire anche delle piante ma devono essere robuste perch√® pur non essendo particolarmente distruttivi nei confronti delle stesse possono mordere le loro foglie pi√Ļ tenere, oppure scavare piccole buche vicino alle radici.


ALIMENTAZIONE: Onnivoro,¬†non somministrare per√≤ solo¬†cibi ricchi di¬†proteine¬†poich√© i pesci¬†possono essere soggetti a problemi digestivi.¬†Somministrare anche¬†alimentati surgelati, come brineshrimp arricchiti con vitamine, larve di zanzara, bloodworm (con parsimonia), Mysis, Daphnia, e vari mangimi che si trovano in commercio sia in scaglie che granulare. Per una dieta pi√Ļ completa si possono includere anche alimenti vegetali freschi.


COMPORTAMENTO: Il T. Elliotti √® un Ciclide pacifico che vive tranquillamente anche con i suoi conspecifici, pu√≤ convivere senza problemi con tutti i Ciclidi tranquilli, anche pi√Ļ grandi di lui, come Heros, Ramirez e Scalari; si sconsiglia la convivenza con il suo Fratellastro T. Meeki in quanto si potrebbe accoppiare e generare quindi degli ibridi.


LONGEVITà: Solitamente in acquario vivono dai 4 ai 6 anni, ma ultimamente sono stati riscontrati esemplari in vita a 10 anni.


TEMPERATURA: Dai 22 ai 27 gradi


VALORI : ph 6.5/7.5; kh da 3 a 7; gh da 3 a 15


LITRAGGIO: per un singolo esemplare le dimensioni della vasca dovrebbero essere almeno di 90x40, per un gruppo di 6/8 esemplari non meno di 150x50.


RIPRODUZIONE: I T.Elliotti sono sessualmente maturi ad una grandezza di 6/7 cm, una volta che si è formata la coppia il maschio sceglie il posto della riproduzione che solitamente si trova nei pressi di una roccia liscia, dove poi la femmina deporrà dalle 100 alle 400 uova che il maschio feconderà successivamente alla deposizione. Le uova si schiudono nelle successive 72ore ed i piccoli verranno spostati dai genitori in buche scavate precedentemente dal maschio nel substrato, le cure parentali saranno effettuate da entrambi i genitori. I piccoli devono essere alimentati con naupli di artemia appena schiusi e infusori per avannotti.

 

 

Altolamprologus Calvus

Dettagli

NOME SCIENTIFICO: Altolamprologus Calvus.

ALTRE DENOMINAZIONI: Pearl Calvus.

DISTRIBUZIONE: Lago TanganyiKa (Africa Orientale). Viene rinvenuto esclusivamente in vicinanza di rocce.

MORFOLOGIA: L'Altolamprologus Calvus presenta un corpo molto alto, la testa è nettamente distinta.
L'aspetto di questi pesci è molto particolare e li rende facilmente distinguibili: la bocca è molto pronunciata, il suo corpo è piatto e sottile, la colorazione del corpo è nero/grigia ed è caratterizzata da una serie di punti bianchi  che arrivano fino a sotto la testa, questa presenta una serie di strisce verticali nere e avorio, mentre la pinna dorsale, la caudale ed anale mostrano la stessa colorazione del corpo.
Questo bellissimo Ciclide ha delle squame spesse e grosse.

VALORI: PH 7.5-9, (GH): 8-20 dGH. I pesci d'importazione richiedono un lungo ambientamento e sono molto sensibili al cambiamento dei valori.


TEMPERATURA: Dai 24 a 27 gradi.

LONGEVITà: In acquario se ben tenuto (valori ed alimentazione) può vivere dai 5 agli 8 anni.

DIMORFISMO: Il maschio in et√† matura √® visivamente pi√Ļ imponente.

DIMENSIONI: In natura intorno ai 14 cm, in acquario intorno ai 12/13 cm.

ALIMENTAZIONE: Questo pesce accetta di buon grado il cibo secco, ma è preferibile integrare con cibo surgelato come polpa di gamberetti, chironomus e tubiflex. In natura, questi Ciclidi sono predatori di uova e avannotti di altri Ciclidi che predano tra le fessure delle rocce.


RIPRODUZIONE: Il luogo ideale per la deposizione può variare da un anfratto tra le rocce ad un guscio vuoto di lumaca preventivamente ripulite da cima a fondo dai riproduttori, se ben alimentati questi ciclidi possono dar luogo ad una riproduzione ogni 40 giorni circa, è molto difficile riuscire a salvare gli avannotti a causa di un vizietto del maschio di mangiarsi la prole. Se si separano i piccoli bisogna nutrirli con naupli di Artemia e mangime apposito (polverizzato).

COMPATIBILITA': Soffre compagni di vasca aggressivi, ad esempio gli mbuna non sono compagni ideali per questa specie. Specie pacifiche di Neolamprologus e Julidochromis sono molto pi√Ļ indicate, buoni i risultati anche con i Synodontis.

 

Cyprichromis leptosoma Mpulungu

Dettagli

NOME SCIENTIFICO: Cyprichomis Leptosoma (Mpulungu)

ALTRE DENOMINAZIONI: Blu Flash, Blu Neon, Blu fish

DISTRIBUZIONE: Lago Tanganica. Si trova nella parte pi√Ļ a sud del lago, Kasanga,Tanzania a Mpulungu, Zambia.

MORFOLOGIA: Il Cyprichomis Leptosoma (mpulungu) ha un corpo marrone stretto e lungo con testa e pinna dorsale con riflessi blu, mentre la base della pinna dorsale e delle ventrali è nera con la punta bianca, la coda presenta un bel giallo acceso. Questi splendidi pesci cambiano colorazione in base al loro luogo di provenienza.

VALORI: Ph 7.5-9.5, Gh 8-20 dGH.

TEMPERATURA: Dai 24 a 27 gradi.

LONGEVITà: In acquario se ben tenuto può arrivare fino ai 10 anni.

DIMORFISMO: Il maschio √® pi√Ļ grande e si presenta con una colorazione molto pi√Ļ accentuata, la femmina √® grigiastra e con un corpo pi√Ļ esile.

DIMENSIONE: Circa 10-12 cm in natura, anche in cattività raggiungono i 10cm.

ALIMENTAZIONE: é onnivoro ed accetta volentieri cibo secco, ma è preferibile integrare la dieta con cibo surgelato come chironomus, tubifex e polpa di gamberetti. In natura, questi ciclidi sono anche predatori di uova di altri pesci ma la dieta comprende soprattutto plankton e zooplankton.


RIPRODUZIONE: La deposizione avviene in acque aperte, i riproduttori si avvolgono in un'affascinate danza durante la quale la femmina depone le uova che vengono prese in bocca dalla stessa, dove vengono immediatamente fecondate dal maschio. Le uova vengono incubate per circa 30 giorni. Se ben alimentati questi splendidi pesci possono dar luogo ad una riproduzione ogni 40 giorni circa. Una volta al nuoto libero i piccoli sono già autosufficienti, sono grandi circa 1,5 cm e devono essere nutriti con naupli di artemia e mangime molto fine.


CONSIGLI SULL'ALLEVAMENTO: Per allevare in maniera ottimale questo splendido ciclide occorrerebbe introdurlo in una vasca di almeno 150cm in un numero di circa 10 individui, si tratta di un pesce pacifico che occupa la metà superiore della vasca, l'arredamento dovrebbe essere composto da qualche lastra di roccia posizionata lungo la parete posteriore della vasca per lasciare sufficiente spazio per il nuoto.

 

Aequidens Rivulatus

Dettagli

NOME SCIENTIFICO: Aequidens rivulatus


ALTRE DENOMINAZIONI: Andinocara Rivulatus, Green Terror.

DISTRIBUZIONE: Ecuador ed estremo nord del Per√Ļ.

MORFOLOGIA: L' Aequidens Rivulatus si presenta con un corpo raccolto e alto, su un¬†fondo scuro verde-blu,¬†si denotano¬†striature azzurro brillante che dalla bocca si diffondono per tutta la testa. Le parti brillanti risultano sfumate fino alla pinna dorsale e caudale. Caratteristico √® l‚Äôocello,¬†presente su entrambi i lati. I maschi di questa specie raggiungono i¬†30 cm, ma in acquario difficilmente¬†questa dimensione viene¬†raggiunta,¬†solitamente lo sviluppo si attesta sui 20 cm. E‚Äô presente una bordatura arancione sulla pinna dorsale e su quella¬†caudale, sia nei maschi che nelle femmine, pi√Ļ accentuata nel maschi. Altra caratteristica degli esemplari maschi, √® il classico accumulo adiposo sulla parte alta della testa, che crea il caratteristico bozzo, tipico di molti Ciclidi Centro Americani.

ARREDO E CARATTERISTICHE DELLA VASCA: Nonostante in natura viva in acque povere di minerali, in acquario si adatta bene ad acque con durezze medie.
Una vasca dedicata ad una coppia, non deve essere inferiore ai 400lt, con un arredo costituito da radici e formazioni rocciose. Le piante possono essere inserite ma non con tutti gli esemplari, visto¬†che possono mordere le parti pi√Ļ tenere di queste. Per questa ragione si consiglia ad inserire in vasca solo piante robuste e ben ancorate agli arredi o al fondo. Predilige vasche con illuminazione medio-bassa, da considerarsi sui¬†0,10-0,25w/l. Si consiglia un ottimo filtraggio sovradimensionato.

ALIMENTAZIONE: L'Aequidens Rivulatus è una specie onnivora.
La loro dieta dovrebbe essere suddivisa per quanto riguarda la tipologia di cibi in 60% vegetale e 40% proteica. Evitare i formati granulati, se non nei primi mesi di vita, in quanto si rischia di far immagazzinare troppa aria al pesce nel tentativo di cibarsene; prediligere invece i mangimi in pallet, che ora si trovano da taglia S a taglia L o XL, in modo da seguire le loro fasi di crescita. Ottime sono le integrazioni con cibi surgelati, o vivo, tipo blood worms, chironomus, tubifex, mosquito; sono sconsigliati gli insetti vivi se non preventivamente quarantenati o allevati idoneamente per lo scopo. Dato l’ elevato potere nutrizionale di questi alimenti, si consiglia la somministrazione settimanale. Fino a 12 cm le somministrazioni devono essere 3 volte/gg, da 12 a 17 2 volte/gg per poi passare a 1 volta gg superata questa misura. Da 17 in poi è utile e benefico per il pesce osservare 1gg di digiuno settimanale.

COMPORTAMENTO: Questi splendidi pesci rientrano nella cerchia dei Ciclidi Americani con una medio-alta aggressività ed un’ elevata territorialità che gli ha fatto guadagnare il soprannome di Green Terror, ovvero terrore verde. Solitamente in età giovanile sono abbastanza socievoli, ma in età sub adulta e in età adulta si fanno onore del loro soprannome. E’ quindi consigliato l’allevamento di una coppia, in vasca a loro dedicata, mentre è assolutamente da evitare l’ inserimento di una coppia in una vasca di comunità, se non di dimensioni importanti e con layout ben distribuito per il riconoscimento dei territori.

RIPRODUZIONE: Una volta che si √® formata la coppia le riproduzioni possono avvenire diverse volte l'anno, sulla superfice di una roccia o se presenti su piante a foglia larga, dopo un'accurata pulizia della superficie da parte di entrambi i pesci. La coppia presta delle cure parentali sia alle uova che agli avannotti eccezionali, e in quelle condizioni sviluppano la maggior aggressivit√† e territorialit√†, cosa che non rende possibile l‚Äô allevamento di una coppia in acquari di comunit√†. Sono necessari cambi parziali dell'acqua (20%) una o pi√Ļ volte alla settimana (non nella prima settimana dalla schiusa) per mantenere i valori stabili e non rischiare l‚Äô intorbidimento dell'acqua causato dalle deiezioni dei pesci. I piccoli vanno nutriti con naupli di artemia appena schiusi e infusori.

DIMORFISMO SESSUALE: Il dimorfismo sessuale non √® troppo evidente in giovanissima et√†, ma dall'et√† subadulta i sessi si distinguono facilmente. Il maschio oltre ad essere pi√Ļ grande e colorato della femmina, mostra una gibbosit√† sulla fronte e l'estremit√† della pinna dorsale e ventrali risultano pi√Ļ lunghe rispetto alla femmina.

LONGEVITA': 8-10 anni in condizioni ottimali

VALORI: Ph tra 6.0 a 7.4, gh: 2 - 10, kh 2-8

TEMPERATURA: predilige temperature non molto calde, range 20-25gradi


CONSIDERAZIONI: Stiamo parlando di uno degli imperatori della vastissima famiglia dei ciclidi americani. Rientra per la precisione, nella categoria dei grandi ciclidi americani in cui è considerato uno dei massimi esponenti. La sua livrea, il suo portamento, il suo carattere e la sua piacevolezza di allevamento, lo hanno reso molto ambito e ammirato in ambito acquariofilo, anche se per via delle dimensioni e le caratteristiche di allevamento non è semplicissimo decidere di intraprendere questa avventura. Le soddisfazioni migliori, si ottengono con una coppia in litraggi idonei. Come dovrebbe essere per tutti i pesci, merita assolutamente di essere osservato durante il suo intero ciclo vitale, che senza alcun dubbio, risulterà essere un’ esperienza indimenticabile.